11ma Giornata del Riuso

Sabato, 26 Gennaio, 2019
Domenica, 27 Gennaio, 2019

Sabato 26 e domenica 27 gennaio a Como

Allo Spazio Ratti due giorni di Baratto, Laboratori e Spettacoli

Il 26 e 27 gennaio ritorna a Como la “Giornata del Riuso”: un’occasione unica dove divertirsi, creare con materiali di riciclo e scambiare oggetti che non si usano più con altri di interesse, a beneficio dell’ambiente e del proprio portafoglio.

Dopo la bellissima “Giornata del Riuso” di gennaio 2018 (qui le foto), stiamo lavorando a una nuova edizione, con un ricchissimo programma: due giorni di  baratto, numerosi laboratori per adulti e bambini e spettacoli gratuiti.
A breve sarà disponibile il programma completo!

INGRESSO LIBERO: Baratto, Laboratori e Spettacoli gratuiti, è gradita l’iscrizione ai laboratori con email scrivendo a riuso@lisolachece.org

SEDE: Como, Spazio Antonio Ratti (ex Chiesa di San Francesco), Largo Spallino 1.

L'11ma “Giornata del Riuso” è organizzata all'interno del progetto RI-GENERAZIONI, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e promosso da Regione Lombardia – DG Politiche sociali, abitative e disabilità ai sensi del DDUO n. 9116 del 21/06/2018. 

La manifestazione è realizzata da l’Associazione di promozione sociale "L’isola che c’è, insieme a l’Associazione "Battito d’Ali" , l’Associazione "La Fenice" , l’Organizzazione di volontariato Circolo “Angelo Vassallo” - Legambiente Como, la Cooperativa “Si può fare”, la Cooperativa “Borea”, l’Associazione “Famiglie in Cammino” e la Cooperativa “Garabombo”, con il supporto operativo della Cooperativa Sociale "Ecofficine" e in collaborazione con il Comune di Como - Assessorato alla Cultura.

Contribuiscono alla realizzazione della manifestazione numerosi soggetti del territorio.

 Aiutaci a promuovere l'iniziativa: condividi l'Evento Facebook!

Per ulteriori informazioni: 031.6872170 - 331.6336995 - info@lisolachece.org


La “Giornata del Riuso” è un evento nato nel 2014 all’interno dei progetti “Meno Rifiuti Più Valore” e “Radici e Ali” con l’obiettivo di creare un’occasione di aggregazione sociale e culturale, dove i cittadini possano scambiare oggetti inutilizzati con altri di interesse, a beneficio dell’ambiente e della loro economia familiare.

Commenta