Fiera 2017: grazie a tutti!

Mercoledì, 20 Settembre, 2017

Sabato 16 e domenica 17 settembre a Villa Guardia (CO)

Due giorni unici di aggregazione e partecipazione con decine di eventi

GRAZIE

agli 11.000 visitatori, ai 300 volontari, ai 180 espositori, ai contribuenti e a tutti i co-organizzatori
di quest'ultima edizione:
solo tutti insieme, ancora una volta, siamo riusciti a creare un’isola speciale,
fatta di voglia di scoprire e confrontarsi e impermeabile a qualche goccia di pioggia.

Come conclusione di questi due giorni unici, vi invitiamo a leggere il bell’articolo di chiusura
 scritto dalla redazione di News Km0 che, con passione e professionalità, per tutta la manifestazione ha seguito e raccontato con articoli, foto e video le tante iniziative organizzate...

 

L’isola che c’è 2017 – Tempo di saluti e di ringraziamenti

Per il quattordicesimo anno, il sipario è calato su L’isola che c’è. Circa undicimila i visitatori per questa edizione, più o meno altrettanti rispetto al 2016.
Quest’isola era dedicata al tempo, s’è detto, e il tempo dello scorso weekend a Villa Guardia è stato bellissimo, tutto, e in tutti i sensi. Anche quando la pioggia che doveva esserci, ma poi ha deciso altrimenti, ci ha di nuovo ripensato al calar della sera di sabato e poi nel tardo pomeriggio di domenica, sia pure per brevi rovesci. Anche per noi di News km0 – che ha contato quest’anno circa venti persone tra videoreporter, redattori/trici e fotografi/ e , che ringraziamo uno/ a per uno/ a – , intenti ad armeggiare con computer e fotocamere,  per la maggior parte del tempo barricati in redazione, se non per un panino, un caffè, due chiacchiere, tre ore di dibattito di tanto in tanto.

È probabile che la maggior parte di questi undicimila conoscesse già l’Isola, per esperienza o per sentito dire. Dopotutto, in tanti ci torniamo proprio per ritrovare il “villaggio” che la fiera delle relazioni e delle economie solidali mette insieme ogni anno tra soggetti che già si conoscono, magari proprio grazie a essa, ma che raramente si vedono tutti insieme.
Ci sono però stati anche “i nuovi”, come ogni anno, a dimostrare la continua evoluzione e trasformazione dell’Isola, che “è sempre lì”, ma che fluttua, cresce, non si ferma mai. Nuovi visitatori, incuriositi dalle immagini di gente allegra, merci accattivanti e conferenze dai temi interessanti e attuali, o dai racconti degli amici e dei parenti passati negli anni precedenti. Nuovi espositori, artisti e relatori, decisi ad apportare il proprio contributo personale a un’economia che mette le persone e l’ambiente davanti al saldo del conto corrente, e che fa del dialogo la propria moneta corrente. Nuovi volontari e volontarie, singoli o associati a una realtà di gruppo, disposti a offrire il proprio tempo per mettere in moto quello che in fondo è il clou delle attività annuali di ognuna delle realtà partecipanti all’Isola, primi tra tutti i suoi organizzatori.

Il tempo che ha dato il ritmo a quest’Isola che c’è 2017 è stato affrontato da una pluralità di prospettive, alcune delle quali sembrano smentirsi vicendevolmente. Ci sono state attività (o inattività) e conversazioni che volevano valorizzare la lentezza, e tante opportunità da cogliere al volo, ché l’evento Isola che c’è dura meno di quarantott’ore all’anno . C’è stato otium (tanto) e c’è stato negotium (idem) . C’è stato il ritmo dei Rumba de bodas e delle scuole di musica all’aperto, e c’è stata la pace dello spazio benessere e del gioco. Un  tempo che, lento o veloce, passa per non tornare più, portandosi via qualcosa e qualcuno, dando però in cambio qualcosa e qualcuno di nuovo (la comunità dell’Isola ha dato il benvenuto ai migranti, l’augurio è quello che “la terraferma” possa arrivare a fare lo stesso)  e c’è stato, e ancora c’è un tempo ciclico, rotondo, che rotola su se stesso per riportarci, ogni settembre, al parco comunale di Villa Guardia, un po’ cambiati, un po’, per fortuna o purtroppo, sempre gli stessi. Alla prossima Isola!

[Alida Franchi per tutta la redazione di News Km0 2017]


QUI IL BLOG NEWS KM0

Commenta