RI-GENERAZIONI

Il progetto "RI-GENERAZIONI, Giovani percorsi di riuso partecipato" è un progetto socio-culturale finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e promosso da Regione Lombardia – DG Politiche sociali, abitative e disabilità ai sensi del DDUO n. 9116 del 21/06/2018.

Tale progetto è realizzato da l’Associazione di promozione sociale L’isola che c’è di Como, insieme a l’Associazione di promozione sociale Battito d’Ali di Senna Comasco, l’Associazione di promozione sociale La Fenice di Cermenate e l’Organizzazione di volontariato Circolo “Angelo Vassallo” - Legambiente Como, con il supporto operativo della Cooperativa Sociale Ecofficine di Como.

Il progetto ha l'obiettivo di coinvolgere i giovani (in particolare attraverso gli istituti scolastici, ma anche attraverso gruppi di aggregazione, associazioni, gruppi informali ecc.) nella realizzazione di attività di volontariato volte a promuovere il riuso in senso esteso: dal riutilizzo di oggetti e materiali, al recupero e riscoperta dei luoghi e degli spazi urbani e peri-urbani abbandonati o sottoutilizzati.

In particolare, vorrebbe:

  • Creare un gruppo stabile, composto sia da volontari delle associazioni aderenti sia dai ragazzi coinvolti durante il percorso e opportunamente formati, che possa permettere la prosecuzione delle attività alla conclusione del progetto e la replicabilità in altri territori;
  • Rendere i giovani consapevoli e coinvolgerli da protagonisti nella soluzione dei problemi concreti della propria comunità, stimolandoli a diventare promo-attori all’interno della stessa;
  • Promuovere i temi del riuso e dell’uso partecipato dello spazio pubblico verso tutta la comunità.

Qui la Presentazione completa del progetto.

Nelle "News ed eventi" sotto è possibile trovare i dettagli delle iniziative realizzate all'interno del progetto che, iniziato a settembre 2018, si concluderà a settembre 2019.

Per ulteriori informazioni: riuso@lisolachece.org - ecm@ecofficine.org, 031.6872170 - 331.6336995.
 

News ed Eventi

Partecipanti della rete