La Rebbio che vorrei

La Rebbio che vorrei - partecipata, verde, resiliente è un progetto, finanziato dal bando 2017 “Comunità Resilienti” di Fondazione Cariplo, che sta realizzando la Cooperativa Sociale Ecofficine, in partnership con l’Associazione L’isola che c’è, la Cooperativa Sociale Il Seme e la Cooperativa Sociale Si Può Fare, in collaborazione ad  altre realtà e gruppi del territorio.

Il progetto nasce per riqualificare il quartiere di Rebbio, per combattere l’abbandono e il degrado, riappropriarsi degli spazi, migliorare la fruibilità delle aree pubbliche, la coesione sociale, la qualità dell’aria e del territorio nel suo complesso.

In particolare, ha come finalità socio-ambientali:

  • Attivare una cura comunitaria del territorio attraverso la gestione condivisa degli spazi verdi urbani, per ridurre e prevenire il degrado e migliorare e connettere i servizi ecosistemici;
  • Migliorare la qualità della vita e della salute della comunità, con interventi di mobilità dolce per mitigare i fattori di inquinamento e favorire la socializzazione e il movimento all’aperto;
  • Valorizzare le risorse ambientali e sociali locali mediante l’avviamento di attività produttive condivise e sostenibili, che possano educare e rendere più coesa la comunità.

Per perseguire tali scopi, ci si propone nello specifico di:

  • Recuperare e curare il Parco Negretti di Rebbio, poco conosciuto e valorizzato;
  • Realizzare un corridoio di mobilità dolce tra i quartieri di Rebbio e Camerlata;
  • Realizzare una rete di orti urbani in aree a verde pubblico abbandonate;
  • Attivare laboratori comunitari di riuso, per esempio di falegnameria e ciclofficina.

Nelle "News ed eventi" qui sotto è possibile trovare i dettagli delle iniziative realizzate all'interno del progetto che, iniziato a gennaio 2018, si concluderà nella primavera 2019.

Per ulteriori informazioni: ecm@ecofficine.org, 031.6872170 - 331.6336995.

News ed Eventi

Partecipanti della rete